Lucciola (rivista manoscritta)

L’Unione conserva 6 volumi di Lucciola, rivista manoscritta circolante in unica copia, che fra il 1908 e il 1926 raggiunge mensilmente in varie città della penisola un manipolo di donne aperte, impegnate, curiose, al contempo lettrici e redattrici, testimoni attente e critiche della propria epoca. Nei volumi troviamo articoli, racconti, poesie corredati da dipinti, acquerelli, disegni, fotografie, cartoline, ricami. I contenuti spaziano dalla letteratura, al costume, all’attualità, all’impegno politico a questioni sociali e ai temi del femminismo.

Estremi cronologici

1910 – 1911

Consistenza: voll. 6 (1910, fascc. di gennaio, febbraio, giugno, ottobre; 1911, fasc. di dicembre + fasc. di fiabe e testi per concorso)

La documentazione originale è esclusa dalla consultazione.

Descrizione del fondo

La raccolta conserva alcuni fascicoli mensili della rivista manoscritta in unica copia Lucciola, comprendenti testi (poesie, racconti, reportage, fiabe, riflessioni) fotografie, cartoline, ricami, disegni e pitture ad olio, carboncino, acquerello.

Bibliografia

Leggere le voci: storia di Lucciola una rivista scritta a mano, 1908-1926, a cura di Paola Azzolini, Vicenza, Biblioteca civica Bertoliana; Padova, Il Poligrafo, [1998] [Catalogo della mostra tenuta a Vicenza, Biblioteca civica Bertoliana, Palazzo Costantini, 17-31 ottobre 1998]

Leggere le voci: storia di Lucciola, rivista manoscritta al femminile, a cura di Paola Azzolini e Daniela Brunelli, Milano, Sylvestre Bonnard, [2007].

Un tuffo in archivio

Un tuffo in archivio
Il divorzio

Il divorzio

Il divorzio suscita la diffidenza delle anime timorate, per cui ogni progresso dovrebbe avvenire entro la cerchia mistica della fede; preoccupa le persone timide e di paurosa immaginazione le quali per esso intravvedono famiglie disorganizzate, vedove e figli mesti...

Leggi di più