Fondi speciali della biblioteca

 Una serie di donazioni, sia da persone che da organizzazioni, è venuta nel tempo ad incrementare il patrimonio della biblioteca. Si tratta di fondi bibliografici oppure di fondi misti, archivistici e bibliografici.

Qui trovate sintetici profili biografici delle persone e di schede delle organizzazioni di cui abbiamo ricevuto i libri, per volontà loro o degli eredi. Si tratta di descrizioni sommarie che servono a dare l’idea degli argomenti prevalenti in ciascuno dei fondi speciali.

Maria Teresa Bellenzier

Roma, 1928 Genova, 2008. Teologa e scrittrice.

Laureata in Pedagogia alla Facoltà di Magistero, negli anni Sessanta è presidente della
sezione romana della FUCI (Federazione cattolica universitaria italiana) e
vicepresidente della UDACI (Unione donne azione cattolica italiana). Negli
stessi anni è assunta in RAI al Servizio ricerche e sperimentazioni.
Giornalista pubblicista e autrice di libri sulla storia delle donne cattoliche,
è tra le promotrici della associazione Progetto Donna, componente della
Commissione per i problemi sociali e del lavoro della Conferenza Episcopale
Italiana. È stata inoltre socia del Coordinamento delle Teologhe italiane che,
per la prima volta in Italia, riunisce studiose e ricercatrici con un approccio
di genere, multidisciplinare ed ecumenico alle teologie.

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
femminismo, teologia, donne cattoliche

Rosa Bernocchi in Nisi

Milano, 1924 – 2009.
Esperta di assistenza sociale.

È stata allieva di Paolina Tarugi, socia dell’Unione femminile dagli anni Venti e redattrice della rivista «Voce Nuova», una delle pioniere in Italia del lavoro di
assistente sociale e tra le organizzatrici della scuola Unsas che, fondata
nell’immediato dopoguerra, è la prima istituzione pubblica per la formazione
professionale in questo settore. Dopo il diploma inizia a lavorare come
assistente sociale per enti pubblici e privati (E.C.A., Ufficio ausiliario del
Tribunale dei minorenni, Villaggio della madre e del fanciullo, Centro di
tutela minorile, Rinascita sociale). Nei primi anni Cinquanta collabora con
Dino Origlia, psicanalista, ad organizzare il primo consultorio psicopedagogico
del Comune di Milano. Della scuola Unsas Rosa Bernocchi è stata insegnante dal
1961 e direttrice dal 1968. Dal 1971 al 1980 dirige i Corsi civici serali della
Scuola per operatori sociali dell’Umanitaria. Dal 1973 al 1984 è docente di
lettere nei corsi delle 150 ore. È consigliera di amministrazione della
Fondazione Asilo Mariuccia Onlus sino al 2006. Dal 1991 fino al 2005 è
consigliera di amministrazione dell’Unione femminile nazionale dove, tra le
prime in Italia, avvia e conduce gruppi di auto-mutuo aiuto per familiari
malati di Alzheimer.

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
Assistenza sociale, lavoro sociali, consultori, diritti dell’infanzia

Franca Berrini in Rigamonti

Informazioni biografiche non disponibili.

Fondo bibliografico.

Parole chiave: femminismo, storia delle donne, politica.

Anna Boffino in Del Bo

Milano 1925 –
1997. Giornalista e scrittrice.

Staffetta partigiana negli anni della Resistenza, si è laureata in Filosofia come allieva di Antonio Banfi. Giornalista e scrittrice, ha raccontato la soggettività
femminile con attenzione particolare alla sfera sessuale e sentimentale, indagandola in rapporto ai cambiamenti del ruolo sociale. La libertà sessuale, la
contraccezione, il divorzio e l’aborto, la parità nel lavoro, la condivisione
dei ruoli in famiglia sono altrettanti temi dei suoi articoli, dei suoi libri e
delle rubriche di corrispondenza con lettori e lettrici di periodici. Dopo aver
iniziato a collaborare con «L’Unità» entra, nel ’68, a far parte della
redazione di «Due più. Noi due più i nostri figli», il primo rotocalco mensile
che intende parla laicamente di sesso e di educazione sessuale. Sarà poi
redattrice di «Amica». Negli anni Ottanta è consigliera comunale del Partito
comunista, dal 1985 al 1990 della Provincia di Milano e dal 1991 al 1997 è nel
consiglio di amministrazione dell’Unione femminile nazionale.

Fondo bibliografico e fondo archivistico

Parole chiave:
femminismo, diritti civili, sessualità, psiche

Consiglio nazionale delle donne italiane

Il CNDI, Consiglio Nazionale delle Donne Italiane, è “una federazione di associazioni femminili e miste impegnate per il miglioramento della condizione sociale delle donne, aperto a donne di ogni idea politica e di ogni religione”. Fondato nel 1903 intorno alla organizzazione del Primo congresso nazionale delle donne italiane del 1908, sciolto nel periodo fascista, il CNDI è ricostituito nel
1944. Il fondo bibliografico donato alla biblioteca comprende una vasta
quantità di opuscoli e miscellanea relativi in particolare alle politiche
istituzionali (sia nazionali che europee) di attuazione dei diritti sociali,
civili e politici declinati sullo specifico della condizione delle donne.

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
diritti e politica istituzionale

Lydia De Grada in Treccani

San Gimignano,
1920 – Milano, 2009. Amministratrice pubblica e giornalista.

Di famiglia antifascista e con una formazione in Belle arti, Lydia è tra le prime
collaboratrici del periodico «Noi donne», organo di stampa dell’Udi (Unione
donne italiane, collegata all’esperienza partigiana dei Gruppi di difesa della
donna), di cui è stata militante e dirigente. Negli anni Cinquanta e Sessanta
Lydia ha ricoperto incarichi nella pubblica amministrazione di Milano. Dal 1970
al 1983 è stata Assessora alla scuola e ai servizi sociali per il Comune di
Rozzano, in provincia di Milano, dove è stata molto attiva nel creare e
rafforzare la rete di servizi sociali e educativi rivolti all’infanzia e alle
giovani generazioni. Oltre a «Noi donne» è stata redattrice de Il «Giornale dei
Genitori» per tutto il periodo della sua pubblicazione (1968-1985).

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
femminismo, politica istituzionale, servizi sociali, pedagogia, Unione donne
italiane

Dina Eroli

Dina Eroli è stata presidente dell Y.W.C.A. – U.C.D.G. Unione Cristiana delle Giovani, associazione valdese fondata a Torino nel 1894 (a Milano nel 1896) che ha come obiettivi il contrasto alle discriminazioni di razza, di sesso e di religione, e la promozione dei diritti umani. È stata inoltre presidente prima della Consulta
femminile di Milano, poi vicepresidente della Consulta nazionale, e nel
direttivo del Cndi.

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
donne cristiane, femminismo

Mariella Gambino in Loriga

Roma, 1920 –
Milano, 2006. Psicoanalista.

Nell’immediato dopoguerra si forma alla scuola psicoanalitica Jung Institut di Zurigo, iniziando contemporaneamente l’analisi personale. Si specializza poi in
psichiatria infantile e diventa una delle prime analiste infantili in Italia. Negli
anni Cinquanta è direttrice dell’asilo-nido aziendale di Villa Casana voluto da
Adriano Olivetti e fondato da Luciana Nissim Momigliano. Qui introduce il
metodo montessoriano, coadiuvata da Elena Belotti, giovane maestra e futura
autrice del libro Dalla parte delle bambine. Sarà poi organizzatrice di servizi sociali per l’infanzia della società Italsider a Genova, giudice onorario (giudice civilista e penalista) del Tribunale per i minorenni di Milano. Nel 1961 è tra i fondatori e le fondatrici della sezione milanese dell’Associazione di psicologia analitica e, nel 1970, del Centro di Psicologia clinica di Milano. Attiva nel movimento femminista degli anni Settanta, raccoglie intorno a sé un gruppo terapeutico di sole pazienti donne, già impegnate nel movimento e desiderose di sviscerare i nodi emersi nella pratica dell’autocoscienza. Nella primavera del 1979
partecipa a una serie di trasmissioni a Radiotre sul tema “Donne e
psicoanalisi”, nell’ambito del programma ideato e condotto da Licia Conte Noi, voi, loro, donna.

Fondo
bibliografico, con una raccolta di miscellanea (opuscoli, riviste, ciclostilati,
volantini) su femminismo e condizione femminile in Italia, Francia, Stati Uniti
dal 1955 al 1997.

Parole chiave:
psicoanalisi, femminismo

Giuliana Gadola in Beltrami e in Veneziani

Milano, 1915 –
2005. Partigiana e scrittrice.

L’antifascismo
vissuto da Giuliana sul piano familiare e culturale negli anni di regime diviene,
con la Resistenza, scelta di militanza condivisa con il marito Filippo Beltrami,
capitano di brigata in Val d’Ossola ucciso in uno scontro a fuoco con i nazisti.
Il capitano è il titolo della biografia del marito, pubblicata da Giuliana nel 1946. Nel 1953 aderisce al Movimento di Unità Popolare e nel 1964 al Partito socialista italiano, corrente Lombardiana, nel quale conduce la battaglia per la legalizzazione dell’aborto.
Come presidente della associazione UGISS (Unione genitori e insegnanti Scuole
Statali) collabora con la Scuola dei genitori di Milano a sostegno della scuola
pubblica. Negli anni Settanta si iscrive all’ANPI (Associazione nazionale
partigiani in Italia) dove si rende conto che mancano sia la consapevolezza del
ruolo avuto dalle donne durante la Resistenza, che l’attenzione agli argomenti
politici portati in evidenza dal movimento femminista. Con Nori Pesce, Mirella
Alloisio ed altre compagne dell’ANPI costituiscono il Coordinamento femminile
nazionale, che promuove il convegno L’altra metà della Resistenza, il primo sull’argomento, i cui contenuti sono pubblicati da Mazzotta. È autrice di Volontarie della libertà, 1982 (in collaborazione con M. Alloisio), la prima storia
generale delle donne nella Resistenza.

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
Resistenza

Laura Mantini in Lepetit

Roma, 1932.
Libraia e editrice.

Nella Milano
degli anni Sessanta rileva, con Anna Vettori, la Libreria Milano Libri e
collabora con la rivista «Linus». Partecipa a Rivolta femminile, uno dei gruppi
che dà avvio al movimento femminista degli anni Settanta. Nel 1975, dopo avere
scoperto che il libro Le tre ghinee di Virginia Woolf non era mai stato tradotto in italiano, fonda la casa editrice La Tartaruga che si consolida come il marchio più importante dell’editoria femminile e femminista italiana. Partecipa anche alla nascita e al percorso della Libreria delle donne di Milano, fondata nello stesso anno. Sono più di 400 i libri pubblicati nei quasi 40 anni di vita della casa
editrice. Il fondo bibliografico donato alla biblioteca dell’Unione femminile,
e appartenente alla sua biblioteca privata, comprende decine di titoli in
inglese nella edizione originale (in particolare segnaliamo la serie di romanzi
pubblicata da Virago Press).

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
editoria femminista, letteratura

Dino Origlia

Torino, 1920 –
Milano, 2012. Psichiatra, psicopedagogista, divulgatore scientifico.

Negli anni Cinquanta ricopre diversi incarichi per il Comune di Milano nell’ambito dei servizi scolastici e pedagogici. Organizza, insieme a Rosa Bernocchi, il primo consultorio psicopedagogico del Comune di Milano. È particolarmente interessato ai problemi psicologici dell’età evolutiva – ed in particolare dell’adolescenza – la psicologia scolastica e la psicologia dei rapporti familiari. È consulente e docente del Circolo dei Genitori di Milano fino dalla sua fondazione, nel 1953. Ospitato e finanziato dall’Unione femminile nazionale, nel 1957 il Circolo diventa Scuola dei genitori di Milano, continuando ad operare nella sede dell’Unione e che ha anche una intensa attività divulgativa, anche grazie alla collaborazione con la Rai, attività alla quale Dino partecipa. Dal 1965 al
1971 dirige l’Istituto di Psicologia dell’Università di Parma, dove ha svolto
attività didattica fino alla fine della sua vita. Come specialista e come
divulgatore scientifico ha pubblicato decine di libri sia sul tema
psico-pedagogico che sulle trasformazioni della famiglia. Della sua biblioteca
personale è stata donata alla nostra biblioteca la parte riguardante l’identità
di genere, la famiglia, la relazione uomo-donna.

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
psicologia, psicanalisi, sessualità, famiglia

Rivista Effe

Mensile femminista pubblicato dal 1973 al 1982, edito da Dedalo fino al 1974 e poi dalle stesse redattrici organizzate in cooperativa. È “la prima rivista
femminista italiana, nata come rivista di attualità e cultura legata al
movimento”, autogestita e finanziata dalle sottoscrizioni e dagli abbonamenti
delle lettrici. Giornaliste e redattrici sono legate al movimento femminista
romano e milanese. A caratterizzare la rivista sono lo spazio dedicato a foto e
contenuti grafici, inchieste, interventi su aborto e violenza sessuale,
cronache dal movimento femminista, rapporto con le lettrici. Il fondo
bibliografico è stato donato alla biblioteca da Daniela Colombo, che di Effe è
stata redattrice, e comprende, oltre a molti volumi importanti per la storia
del movimento e del pensiero femminista, la serie completa di Effe e la raccolta di “Eco della stampa” sugli argomenti trattati dalla rivista.

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
femminismo, diritti civili, violenza sulle donne

Tullia Romagnoli in Carettoni

Verona, 1918 –
Roma 2015. Senatrice e parlamentare europea.

Conseguita la
laurea in lettere, entra in ruolo come docente di liceo. È combattente con il
gruppo Giustizia e libertà durante la lotta partigiana. L’attività politica
continua nel dopoguerra all’interno del Sindacato nazionale scuola media e,
fino al 1966, nel Partito socialista italiano. Senatrice dal 1963 al 1979
(dapprima con il Partito Socialista Italiano e poi come indipendente), è tra le
fautrici della approvazione della legge sul nuovo diritto di famiglia e di
altre leggi sulla condizione femminile. Dal 1971 è parlamentare europea, incarico
rinnovato con le elezioni del 1979. In questa sede è membro della Commissione
per gli affari sociali e l’occupazione, della Commissione per le relazioni
economiche esterne, della Delegazione alla Commissione parlamentare mista
dell’associazione CEE-Turchia e della Commissione per lo sviluppo e la
cooperazione. Nel corso degli anni ’90 è presidente della Commissione italiana
per l’UNESCO, presidente di Herity Italia e fondatrice del Forum Internazionale delle Donne del Mediterraneo (FIDM).

Fondo bibliografico
e fondo archivistico

Parole chiave: diritti
civili, aborto, divorzio, scuola

Emma Scaramuzza

Castellamare di
Stabia, 1948.  Storica.

Femminista
vicina alla Libreria delle donne di Milano, è stata docente all’Università
Statale di Milano. Studiosa di storia della Spagna e della storia di genere, ha
approfondito in particolare le biografie di Sibilla Aleramo e Alessandrina
Ravizza, figure di spicco del femminismo di primo Novecento, mettendo in luce
l’intreccio tra politica e amicizia.

Fondo bibliografico

Parole chiave:
femminismo, storia delle donne, pensiero politico delle donne

Adela Turin

Milano, 1939. Disegnatrice
e editrice.

Nel 1975 fonda la casa editrice Dalla parte delle bambine, la prima esperienza editoriale che fino al 1982 ha prodotto libri per bambine e bambini con un taglio femminista, cioè che contrastano gli stereotipi di genere. Il condizionamento della bambina come oggetto sessuale, la famiglia e la divisione sessuale dei ruoli, il monopolio maschile della cultura, il divorzio, l’amicizia e l’amore tra donne, il monopolio al maschile della medicina, la dicotomia delle virtù femminili e maschili sono alcuni dei temi trattati. Negli anni Novanta si trasferisce in Francia, dove fonda l’associazione Dalla parte delle bambine, che sviluppa ricerche iconografiche e progetti didattici in contrasto al sessismo nei libri per l’infanzia. Il fondo bibliografico donato alla biblioteca comprende la produzione della casa
editrice sia in Italia che all’estero. I volumi sono stati tradotti in
francese, inglese, spagnolo, tedesco, svedese, norvegese e danese. Il fondo comprende anche materiale a stampa inerente il sessismo a scuola e nei libri di testo e materiale iconografico frutto delle ricerche di Adela Turin sui libri per
l’infanzia.

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
editoria, letteratura per l’infanzia, femminismo

Unione donne italiane

Fondata nel
1945 dall’esperienza antifascista dei gruppi di difesa della donna, legata fino
agli anni Novanta al Partito comunista italiano, l’Udi è stata la più
importante organizzazione femminile di massa negli anni Cinquanta e Sessanta. Il fondo bibliografico proviene dalla biblioteca della sezione milanese
dell’Unione donne italiane, attiva negli anni Ottanta, Novanta e primi Duemila.
Si tratta di circa cinquecento volumi, perlopiù di saggistica, che spaziano in
tutti i settori disciplinari e particolarmente sui temi oggetti della azione
politica della sezione milanese: salute delle donne e delle lavoratrici,
consultori, servizi per l’infanzia, salute sessuale e riproduttiva (con un
focus importante sulla proposta di legge regionale per il parto in casa degli anni
Novanta), politiche pubbliche statali e locali per le donne, dossier e analisi
sul mondo del lavoro e sulla trasformazione della famiglia, sulla violenza
sessuale, sulla prostituzione. Nel fondo sono presenti gli atti di tutti i
congressi dell’Udi dalle origini agli anni Duemila ed una corposa rassegna
stampa finalizzata a ricostruire biografie femminili.

Fondo
bibliografico

Parole chiave:
salute, lavoro, politica istituzionale, Unione donne italiane, femminismo

Unione femminile nazionale

Un fondo speciale raccoglie circa 130 volumi pubblicati nel primo quarto del Novecento, una parte dei quali probabilmente eredità di quel periodo di attività
dell’Unione. L’archivio storico dell’Unione femminile e l’archivio di Ersilia
Bronzini Majno contengono decine di opuscoli a stampa fondamentali per lo
studio di un’ampia varietà di temi: il primo femminismo con le sue
organizzazioni ed i suoi organi di stampa, il lavoro femminile e minorile, la
storia dell’assistenza sociale, la storia dell’educazione e della pedagogia, il
ruolo dell’associazionismo femminile nella Prima guerra mondiale, la condizione
delle donne sotto il regime fascista.

Breve storia della biblioteca

Una biblioteca costruita dalle suffragiste milanesi, da più di un secolo a disposizione della città e delle donne che amano la lettura, lo studio e il pensiero femminile.

w

Informazioni per l'accesso alla biblioteca

La biblioteca è aperta dal lunedì al venerdì su appuntamento, nei seguenti orari: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 15, martedì e giovedì dalle 13 alle 19.

L’accesso è gratuito. Sono presenti barriere architettoniche.

Telefono: 026572269
Mail: documentazione@unionefemminile.it

Libri scelti per te

Dieci donne. Storia delle primi elettrici italiane

Dieci donne. Storia delle prime elettrici italiane (liberilibri, 2012) è il primo lavoro storiografico dedicato alle maestre marchigiane che nel 1906 ottennero il diritto di voto politico, senza mai poterlo esercitare, e al giudice che lo rese possibile. Marco Severini, storico marchigiano, ritaglia dallo sfondo della Belle Époque le figure di un gruppo di donne motivate, e di un giurista preparato e libero da paraocchi.

La scuola italiana oggi. Studi e ricerche

Le tematiche affrontate hanno avuto come filo conduttore il tentativo di mettere a fuoco la situazione della scuola italiana attraverso alcuni elementi che emergono dal dibattito attuale e che, collocati dentro un quadro di riferimento più ampio, mostrano ancora una volta come la scuola sia espressione della struttura economico-sociale

Sembène Ousmane

Un bel libro, che di Sembène esplora biografia, linguaggio, scelte estetiche e di contenuto

Tivvù passione mia

La passione televisiva di Tilde Capomazza. L’ideatrice della prima trasmissione femminista racconta il suo percorso