7880402556_da4e4ed572-e1402413396444

Newsletter n. 1 – 2014

01/02/2014

Febbraio 2014. Proseguono gli incontri “Dopo la separazione” e quelli per “Genitori e insegnanti”. Nuovi arrivi in biblioteca tra storia, arte e fotografia.

IN AGENDA

RIDEFINIRE SE STESSI E LA PROPRIA VITA DOPO LA SEPARAZIONE
Lunedì 3 febbraio e lunedì 17 febbraio, ore 17.45
Con i due incontri dedicati a Il mio stile di comunicazione (3 febbraio) e Promuovere il mio stile assertivo: né agnello né tigre (17 febbraio) prosegue il ciclo avviato a gennaio con il primo dei tre in programma: Istruzioni per essere infelici.
Il ciclo “Ridefinire se stessi e la propria vita dopo la separazione” è promosso dall’Unione femminile nazionale per venire incontro alle necessità manifestate dall’utenza dello Sportello legale. Organizzato con il Centro Filippo Buonarroti, è condotto dalle psicologhe Claudia Caprin (specialista in psicologia del ciclo di vita) e Rossella Morrone, con gli avvocati dello Sportello: Anna Brambilla, Liliana Busnelli, Carmen Schettini.
La partecipazione è gratuita. E’ possibile iscriversi contattando la segreteria dell’Unione femminile nazionale al numero 026599190 oppure inviando una mail a segreteria@unionefemminile.it

LA RETE E LA SOCIALIZZAZIONE DELLE NUOVE GENERAZIONI
Incontri “Genitori e insegnanti” 2014
Il processo di socializzazione delle nuove generazione è influenzato sempre di più e sempre più precocemente da esperienze e relazioni “virtuali” sui social network o comunque in internet. Al di là di stereotipi e giudizi affrettati questo ciclo di incontri offre il contributo di tre studiosi che a questo fenomeno hanno dedicato studi, ricerche e pubblicazioni.
Giovedì 27 febbraio, ore 17.45
Il primo appuntamento, dedicato al tema Culture digitali e sfide educative, con Piermarco Aroldi (Università Cattolica), autore di: La responsabilità difficile. Media e discernimento (Rubbettino 2012). Consulta qui il programma completo.

LA MOSTRA ITINERANTE

La mostra itinerante sulla storia dell’Unione femminile nazionale continua il suo viaggio. Dopo essere stata a Genova lo scorso settembre, a Catania in novembre, e a Modica in dicembre, sarà a Milano per una tappa organizzata dall’Associazione Mondodonna il 18 febbraio, presso lo Spazio Teatro 89, alle ore 16. Tornerà poi in Sicilia, a Palermo, dove sarà allestita dall’1 al 10 marzo a Villa Niscemi.

NUOVI ARRIVI IN BIBLIOTECA

> DONNE & UOMINI

L’ARCANGELO. VITA E MIRACOLI DI GABRIELE D’ANNUNZIO. Storia di una biografia dimenticata
di Sara Follacchio, Ianieri Editore, 2013
Sulla base di una ricca documentazione inedita, Sara Follacchio ricostruisce le vicissitudini di una biografia di Gabriele D’Annunzio, pubblicata nel 1931 e ritirata dal commercio per volere di Mussolini appena poche ore dopo dal suo ingresso nelle librerie del Regno. L’opera di Follacchio fa nuova luce sui rapporti tra Arnoldo Mondadori, D’Annunzio e Mussolini, oltre che sull’autore della biografia, l’ingegnere-umanista Federico Vittore Nardelli, e sulle “complici” Ester Traversari e Natalia Danesi, giornaliste e donne fuori dall’ordinario. Ne emergono le ambiguità del mercato editoriale italiano sotto il fascismo, il declino umano e artistico del poeta, i rapporti tra uomini e donne nel Ventennio.

FRAMMENTI DI AUTOCOSCIENZA. Il percorso politico sulla sessualità di un gruppo di giovani femministe
del Collettivo femminista Benazir, Aracne, 2012
E’ la scommessa politica di un gruppo di giovani femministe che si interrogano sulla sessualità “a partire da sé” con la “furiosa speranza” di modificare se stesse per cambiare il mondo. Composto da frammenti di mail, registrazioni e riflessioni sia singole che collettive, questo libro è la storia del collettivo Benazir, composto di sole donne e nato nel 2006 all’Università di Verona. Le sue partecipanti si sono proposte di affrontare le tematiche dell’essere donna, del corpo e della sessualità, attraverso la pratica dell’autocoscienza. Benazir vuol dire “Colei che non è mai stata vista così”. Nella scelta del nome le ragazze non alludono a un mito o a una leggenda, ma alla necessità di inventare nuove storie, anche nel lavoro politico di relazione tra donne.

UOMINI CONTRO LE DONNE? Le radici della violenza maschile
a cura di Sveva Magaraggia e Daniela Cherubini, UTET, 2013
Una buona guida nella complessità di un fenomeno della vita quotidiana che ha parole recenti e radici antiche. Nella prima parte del volume si analizzano diverse forme di violenza evidenziandone le connessioni con i tratti dominanti della maschilità moderna e contemporanea. La seconda parte mette in luce i modi e le forme in cui la violenza maschile è rappresentata e quali sono le conseguenze di tali rappresentazioni. Si analizzano non solo i mass media, ma anche i programmi di educazione sessuale, il discorso legale, le politiche contro la violenza di genere in Italia e all’estero. La terza parte è dedicata ai modi in cui la violenza viene affrontata e mediata politicamente, con analisi e voci da diversi contesti ed esperienze di intervento sociale, educativo e comunicativo.

> ARTE

DONNE IN MONDI DIFFERENTI. San Pietroburgo, Accademia di Belle Arti
di Carlo Carli, a cura di Elisabetta Vannozzi. Introduzione di Maurizio Vanni
Catalogo della mostra presso l’Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo (8 maggio-2 giugno 2013). Confronti, incontri, contrasti, ma anche metafore e ossimori reali, memoriali e ideali: sono questi i parametri entro i quali Carli muove le sue figure femminili creando una serie di scenografie prive di precisi riferimenti spazio-temporali che racchiudono mondi, che manifestano importanti scansioni geografico-sociali. Da una parte donne bellissime che sembrano uscite dalle copertine patinate delle riviste di moda, che manifestano  la propria femminilità attraverso una comunicazione posturale eloquente e ammiccante, dall’altra la povertà, la solitudine, la frustrazione di chi non ha nulla.

OMBRE
di Gianni Pezzani, introduzione di Arturo Quintavalle, Skira, 2013
Le “Ombre” che si manifestano in questo volume sono il frutto della ricerca artistica e tecnica di una vita, quella del fotografo Gianni Pezzani. L’autore ha raccolto alcune serie di opere tra le molte della ormai più che quarantennale attività, come spiega lo storico dell’arte Arturo Carlo Quintavalle, curatore dell’opera. La luminescenza del bosco, la granulosità della nebbia che quasi puoi sentirtela addosso, la vivace arroganza della superficie metallica di un’autobile nella città di notte, una mosca amante della lettura, sono solo alcuni dei personaggi che vivono tra queste pagine. Oggetti, animali, piante… il libro è pieno di creature viventi, nessuna bipede. Di umano c’è lo sguardo, e la poesia.

PARLANDO CON VOI. Incontri con fotografe italiane
di Giovanna Chiti e Lucia Covi, Ed. Danilo Montanari, 2013
34 donne fotografe, ritratte per immagini e per iscritto da Giovanna Chiti e Lucia Covi, fotografe a loro volta. Le biografie, raccolte incontrando le protagoniste del libro nelle loro case e nelle loro città, manifestano percorsi talora lineari, talora frammentati, a volte interrotti, di donne di diverse generazioni e impegnate in diversi registri stilistici. E’ piacevole sfogliare il libro scivolando da un’immagine all’altra e lasciare che sia un dettaglio visivo a catalizzare l’attenzione sul testo. La lettura invita, tra l’altro, a riflettere sul rapporto tra lavoro remunerato e arte, fra identità professionale e soggettività, che in particolare nelle trame femminili non sono mai del tutto coincidenti.

> FAMIGLIE

BAMBINI E GENITORI. Norme, pratiche e rappresentazioni della responsabilità
a cura di Guido Maggioni, Paola Ronfani, Marcia Carmen Belloni, Valerio Belotti, Ed. Donzelli, 2013
Il volume ricostruisce dal punto di vista sociologico le trasformazioni della famiglia. Si parte dall’epoca in cui era l’autorità del pater familias a definirne i contorni per arrivare ad oggi, quando la responsabilità genitoriale comporta nuovi doveri e apre la sfida dei nuovi diritti. I contributi di diversi autori inquadrano il tema della responsabilità dei genitori nella concretezza dei problemi affrontati dalle famiglie: l’autonomia dei bambini e delle bambine, l’organizzazione del loro tempo, il denaro. Molto spazio è dato in particolare all’agire economico dei bambini.